Codice etico

Il Codice Etico, che sancisce gli assunti di base, i valori e le norme comportamentali del Progetto Vengo anch’io, è volto a definire, a tutti gli utenti e gli attori in gioco, una linea di condotta empatica, autoconsapevole e responsabile.  

Tutti gli attori coinvolti sono destinatari del codice etico: i volontari accompagnatori, gli utenti (persone con disabilità temporanea o permanente), gli organizzatori di eventi pubblici e privati, le aziende di trasporto, pubbliche e private. In particolare, ci rivolgiamo alla relazione tra i due profili principali tra cui avviene il match per l’accompagnamento: il volontario e l’utente. 

VOLONTARI

Il volontario, soggetto portante del nostro progetto, deve attenersi a queste norme: 

  • Essere la persona che mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri. Egli opera in modo libero e gratuito contribuendo alla realizzazione dei beni comuni;
  • Svolgere un’azione gratuita. La gratuità è l’elemento distintivo dell’agire volontario e lo rende originale rispetto ad altre forme di impegno civile. Ciò comporta assenza di guadagno economico, libertà da ogni forma di potere e rinuncia ai vantaggi diretti ed indiretti. I volontari traggono dalla propria esperienza motivi di arricchimento sul piano interiore e sul piano delle abilità relazionali;
  • Essere, in tutte le sue forme e manifestazioni, espressione del valore della relazione e della condivisione con l’altro. Al centro del suo agire ci sono le persone considerate nella loro dignità umana, nella loro integrità e nel contesto delle relazioni famigliari, sociali e culturali in cui vivono;
  • Essere scuola di solidarietà, contribuendo così alla formazione di un uomo solidale e di cittadini attivi e responsabili. In tal modo, il volontariato produce legami, beni relazionali, rapporti fiduciari e cooperazione tra soggetti, concorrendo ad accrescere e valorizzare il capitale sociale del contesto in cui opera;
  • Avere una funzione socio-culturale ponendosi come coscienza critica e punto di diffusione di valori.

I principi fondamentali del volontario sono: 

  • DIGNITÀ DELLA PERSONA: il volontario si impegna a promuovere il rispetto dell’integrità fisica e culturale della persona e il rispetto della dimensione di relazione con gli altri;
  • DILIGENZA: ciascuno è chiamato ad assolvere alle proprie mansioni, prima e durante l’accompagnamento, con attenzione ed accuratezza impegnandosi con responsabilità;
  • EQUITÀ: ciascuno, nell’ambito delle proprie attività e competenze, deve seguire una condotta ispirata al senso comune di giustizia sociale;
  • LEGALITÀ: il volontario, nello svolgimento delle proprie attività, agisce nel rispetto del Codice Etico applicandolo con rettitudine ed equità, agisce nel rispetto della legislazione e di tutte le norme vigenti nei territori nei quali si trova ad operare;
  • ONESTÀ E CORRETTEZZA: i rapporti con i partecipanti (gli utenti) sono basati su criteri di correttezza, collaborazione, lealtà e rispetto reciproco. Le relazioni con le persone che accompagneranno devono essere improntate con senso di responsabilità, onestà e fiducia reciproca;
  • RISERVATEZZA: assicura la riservatezza delle informazioni e dei dati personali e la protezione delle informazioni acquisite in relazione all’attività di volontariato prestata;
  • TRASPARENZA: ciascuno, nell’ambito delle proprie attività, è chiamato a svolgere le proprie mansioni secondo un criterio di piena intelligibilità dell’operato da parte e verso chiunque;
  • UGUAGLIANZA E NON DISCRIMINAZIONE: ciascuno, nell’ambito delle proprie attività e competenze, deve garantire uniformità di trattamento prescindendo da differenze di età, sesso, razza, religione.
    Il volontario di Vengo anch’io non è un volontario socio-sanitario, pertanto svolge solo ed esclusivamente una funzione sociale e relazionale ricoprendo il ruolo di accompagnatore nei confronti dell’utente. 

UTENTI

Per utenti (persone con disabilità temporanea o permanente), intendiamo tutti i soggetti che hanno un deficit nelle abilità a fare, andare agli eventi pubblici (culturali e non) e parteciparvi in modo più o meno autonomo. Includiamo quindi gli anziani, gli ipo e non vedenti, i non udenti, i soggetti con episodi di depressione, dissociazione, con deficit motori, e solitudine. Il progetto è altamente inclusivo e laddove vi fosse un reale interesse a questa forma di accompagnamento, i soggetti non autorappresentativi potranno fruire del servizio accompagnati dalle normali figure professionali socio-sanitarie.

Le persone con disabilità (gli utenti), i destinatari finali del sevizio offerto dal nostro progetto, devono attenersi a queste norme: 

  • Accettare come un dono la persona che mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per voi; egli infatti svolge un’azione totalmente gratuita. Attraverso il rapporto con il volontario/accompagnatore troverete motivi di arricchimento sul piano interiore e sul piano delle abilità relazionali;
  • Partecipare al rapporto con il volontario, in tutte le sue forme e manifestazioni, tenendo presente il valore della relazione e della condivisione con l’altro;
  • Essere proattivo verso una sorta di solidarietà, contribuendo così alla formazione di un uomo solidale e di cittadini attivi e responsabili. In tal modo, il volontariato produce legami, beni relazionali, rapporti fiduciari e cooperazione tra soggetti, concorrendo ad accrescere e valorizzare il capitale sociale del contesto in cui opera.

 

I principi fondamentali dell’utente sono: 

  • DIGNITÀ DELLA PERSONA: l’utente si impegna a rispettare l’integrità fisica e culturale della persona che lo accompagna (il volontario), in una dimensione di relazione con gli altri;
  • DILIGENZA: ciascuno è chiamato ad assolvere alle proprie mansioni, prima e durante l’accompagnamento, con attenzione ed accuratezza impegnandosi con responsabilità nel rispetto e accettazione del volontario accompagnatore;
  • EQUITÀ: ciascuno, nell’ambito delle proprie attività e competenze, deve seguire una condotta ispirata al senso comune di giustizia sociale;
  • LEGALITÀ: l’utente, durante lo svolgimento delle attività del volontario accompagnatore, agisce nel rispetto del Codice Etico applicandolo con rettitudine ed equità, agisce nel rispetto della legislazione e di tutte le norme vigenti nei territori nei quali si trova;
  • ONESTÀ E CORRETTEZZA: i rapporti con i volontari accompagnatori sono basati su criteri di correttezza, collaborazione, lealtà e rispetto reciproco. Le relazioni devono essere improntate con senso di responsabilità, onestà e fiducia reciproca;
  • RISERVATEZZA: assicura la riservatezza delle informazioni e dei dati personali e la protezione delle informazioni acquisite in relazione all’attività di condivisione con il volontario accompagnatore, durante l’accompagnamento e la fruizione stessa degli eventi;
  • TRASPARENZA: ciascuno, nell’ambito delle proprie attività, è chiamato a svolgere le proprie mansioni secondo un criterio di piena intelligibilità dell’operato da parte e verso chiunque;
  • UGUAGLIANZA E NON DISCRIMINAZIONE: ciascuno, nell’ambito delle proprie attività e competenze, deve garantire uniformità di trattamento prescindendo da differenze di età, sesso, razza, religione.

Il volontario di Vengo anch’io non è un volontario socio-sanitario, pertanto svolge solo ed esclusivamente una funzione sociale e relazionale ricoprendo il ruolo di accompagnatore nei confronti dell’utente. Qualsiasi necessità svolta normalmente da un operatore socio-sanitario (di cui eventualmente si richiede la presenza, se necessario) non potrà in nessun modo essere espletata dal volontario accompagnatore.

 EVENTI

Gli enti organizzatori di eventi, pubblici o privati, agiscono nel rispetto comune, sono totalmente svincolati da Vengo anch’io in relazione alla propria programmazione artistica e culturale e le linee di comunicazione dell’evento stesso. I dati inseriti all’interno del profilo personale devono rispondere al vero e gli organizzatori sono tenuti a comunicare eventuali modifiche, qualora se ne ravvisi la necessità, in merito alla programmazione stessa degli eventi registrati all’interno della piattaforma. Gli organizzatori sono tenuti a inserire all’interno della piattaforma esclusivamente eventi le cui location siano agibili, a norma e rispettino tutti gli standard di sicurezza per la presenza di persone con disabilità.

 TRASPORTI

Le aziende di trasporto, pubbliche o private, agiscono nel rispetto comune e sono totalmente svincolate da Vengo anch’io in relazione ai servizi forniti e all’utilizzo di eventuali supporti per la prenotazione delle corse. L’inserimento di un profilo all’interno della piattaforma Vengo anch’io prevede l’accettazione concordata di un tariffario agevolato per gli utenti e i volontari di Vengo anch’io. Le aziende di trasporto sono tenute ad assicurare la corretta comunicazione e relativa presenza di mezzi, veicoli e spazi adeguati all’interno degli stessi, al fine di garantire la completa sicurezza delle persone con disabilità e dei loro accompagnatori durante il trasporto. L’eventuale prenotazione dei servizi avverrà in maniera indipendente rispetto alla piattaforma Vengo anch’io.

Vengo anch’io si impegna, tramite un accordo tra tutti i suoi attori:

  • a garantire una puntuale diffusione del Codice Etico mediante una totale condivisione su tutti i canali di comunicazione secondo le diverse accessibilità;
  • a garantire l’accesso all’intera documentazione della formazione offerta;
  • a prevenire la discriminazione e gli abusi di ogni tipo;
  • a diffondere le pratiche del volontariato, anche a livello culturale;
  • alla sensibilizzazione delle pratiche di cittadinanza attiva;
  • alla creazione di una solida rete territoriale;
  • alla sensibilizzazione delle politiche green (es. utilizzo dei mezzi pubblici).

La piattaforma e la app Vengo anch’io fungono esclusivamente da connettore tra i profili e i servizi presenti (disponibilità di volontari, di utenti, profili eventi e mezzi trasporto). Nessun servizio è pertanto fornito direttamente dagli operatori del progetto, né sono in alcun modo responsabili circa l’andamento, la buona riuscita o il risultato degli stessi. Lo staff Vengo anch’io si adopera essenzialmente per la sensibilizzazione delle attività di volontariato in una forma totalmente innovativa e diverse forme di cittadinanza attiva; crea le condizioni per una maggior partecipazione e condivisione della vita sociale e culturale cittadina, promuovendo e incentivando la creazione di reti e connessioni territoriali tra diversi attori e operatori di servizi, pubblici e privati.